Archivi tag: FMI

Le elezioni europee seconodo Sapir

Tutti i partiti in lizza – non solo in Italia – sostengono di voler cambiare l’Europa. Dateci i voti e noi cambieremo la direzione dell’Unione. Ma è veramente possibile? Ovviamente no. Le vie del marketing elettorale sono infinite. l’unico modo di cambiare l’Unione Europea è quello di smantellarla. Non lo dice il leader mascherato di un sedicente movimento di liberazione continentale che imbraccia gli AK 47 e nasconde i volti dietro i cappucci, ma l’economista francese Jacques Sapir.

In Italia che fare? I partiti di governo e di opposizione sono tutti pro-euro e pro-unione. La lista Tsipras è una mano di vernice data allo scafo bucato per venderlo prima ce affondi. Fa eccezione solo la Lega.

Buona lettura.

********

articolo originale: russeurope.hypotheses.org/2179

fonte: vocidallestero.blogspot.it/2014/04/sapir-le-elezioni-europee.html

Dopo la formazione del nuovo governo francese siamo stati subito e pienamente coinvolti nella campagna per le elezioni europee. Queste suscitano in genere uno scarso interesse. E’ un errore, e sarebbe particolarmente dannoso se accadesse anche questa volta. La posta in gioco delle prossime elezioni è alta. Esse esprimeranno delle scelte elettorali che saranno, senza dubbio, difficili e delicate. Dobbiamo qui ricordare che tali elezioni riguardano in realtà l’Unione Europea e non l’Europa stessa. Uno può sentirsi culturalmente e storicamente europeo e rifiutare quell’istituzione che si è appropriata del nome di Europa, ma che è ben lontana dall’essere adeguata a tale scopo.

L’Unione Europea alla deriva

Oggi anche i più ferventi difensori dell’Unione Europea ammettono che essa è alla deriva e che, sempre di più, serve unicamente da copertura agli interessi della Germania [1]. Il perseguimento delle politiche di austerità, esplicitamente implementate per “salvare l’euro” senza imporre un costo troppo alto alla Germania, lo dimostra. Queste politiche stanno attualmente conducendo i paesi dell’Europa del sud verso la bancarotta e la miseria. Ma, parlando in generale, l’UE soffre anche di molteplici difetti, che nel tempo sono diventati sempre più evidenti. È politicamente elefantiaca, troppo aperta e senza altra linea di politica industriale se non la famosa “concorrenza libera e senza distorsioni”, che qualsiasi economista minimamente onesto deve riconoscere essere una contraddizione in termini. Essa non garantisce né la sicurezza economica ai popoli degli stati membri, e nemmeno la sicurezza politica – essendo stata catturata da interessi che ora premono per un’opposizione frontale nei confronti della Russia, come si è potuto constatare in occasione della crisi in Ucraina. In questa occasione i leader della UE, che si vantano di rispettare i diritti umani, non hanno esitato a dare il loro sostegno a dei gruppi fascistoidi come il “Pravy Sektory” o SVOBODA. Ricordiamo pure che questa stessa UE si è dimostrata totalmente incapace di evitarci la crisi finanziaria del 2007-2008, a dispetto di tutti i discorsi sul fatto che “l’Europa ci protegge”. Questa linea politica proseguirà con la firma del “Trattato Transatlantico” (il TTIP, ndt), che stabilisce le condizioni di un libero scambio generalizzato con gli Stati Uniti e che, di fatto, impone che le nostre norme sociali e sanitarie debbano essere allineate con quelle degli Stati Uniti. Di fronte a una tale nuova abdicazione a Washington, non si riesce più a vedere, dunque, quale sia la giustificazione per mantenere una “Unione Europea”.

Oltretutto possiamo qualificare l’Unione Europea come un’organizzazione criminale, a causa delle politiche che vengono tuttora implementate dalla cosiddetta “Troika” in Grecia e in altri paesi. Sicuramente, in questo la UE non sta agendo da sola. La “Troika” è costituita dalla BCE, dalla Commissione Europea e dal FMI. Ma bisogna anche riconoscere che il FMI si è ripetutamente opposto alle politiche che venivano implementate dalla “Troika”, poichè ne prevedeva e calcolava le conseguenze. La responsabilità della smisurata durezza di queste politiche, che si sono tradotte in un netto incremento della mortalità in Grecia, e da qualche mese a questa parte anche in Portogallo – ed è per questo che usiamo l’aggettivo criminale – è solo ed esclusivamente da attribuire alla Commissione Europea e alla BCE. L’UE ha anche la responsabilità di aver fatto entrare un movimento neo-nazista come Alba Dorata nel Parlamento Greco. E’ anche questo che dovrà essere sanzionato in queste elezioni.

L’insensatezza del discorso “cambiamo l’Europa”

In un tale contesto, evidentemente, nessuno ha intenzione di difendere la UE “così com’è”, e i discorsi sulla necessità di “cambiare l’Europa” si vanno moltiplicando. Ma quanto possono essere reali?

L’Unione Europea comprende troppi membri per  poter portare avanti dei progetti interessanti. È un fatto che un’alleanza è sempre più lenta e più debole rispetto ad un singolo paese. Inoltre, la natura liberista dell’Unione Europea non è solo inscritta nel progetto europeo fin dal principio, ma corrisponde precisamente alla logica con cui si svolgono i negoziati. Quando si cerca un compromesso, risulta sempre molto più facile convergere su una posizione di non-intervento, sia che si tratti di materie economiche che sociali. Qualsiasi atto concreto genera un’infinità di mercanteggiamenti che, a loro volta, generano nuovi contenziosi. Oltre al peso dell’ideologia liberista, al peso degli interessi particolari delle grandi imprese che sono ben rappresentate a Bruxelles, si deve sapere che nella logica di un negoziato il “punto focale” [2] si trova molto spesso nella misura più “liberista”.

L’Unione Europea non è un’istituzione che sta fuori da un contesto. Si muove in un universo nel quale, sia per interessi particolari sia per ideologia, i funzionari che la compongono, e che in larga misuradecidono l’ordine del giorno delle riunioni, sono completamente intrisi dell’ideologia più liberista. Non dobbiamo dimenticare che queste persone vivono con ottimi stipendi (che non hanno mai pensato di ridursi per solidarietà con i popoli da loro oppressi). Pretendere di cambiare l’Unione Europea equivale a pretendere di stabilire un altro contesto, e implica la volontà coordinata di una maggioranza di paesi. È piuttosto evidente che, a causa dell’asincronia dei cicli della politica nei principali paesi, questo è al momento assolutamente impossibile.

A questo punto si potrebbe obiettare che questa è una conseguenza della natura inter-governativa della UE, e che per questa ragione bisogna andare nella direzione di un’Europa federale. Ma questo ragionamento poggia su false basi. Anzitutto, non esiste un popolo europeo, sia questo dovuto a rappresentazioni politiche troppo divergenti o al peso di storie diverse che sono troppo profondamente radicate. Solamente la soluzione inter-governativa è possibile se si vuole preservare un minimo di democrazia. Inoltre la soluzione federale esigerebbe ad oggi dei massicci trasferimenti fiscali dai redditi dei più ricchi (dei tedeschi per essere chiari [3]), al fine di alimentare questo “bilancio federale” che taluni vagheggiano. La federalizzazione dell’Europa è un non-senso, tanto politico quanto economico.

Infine diamo un’occhiata a chi sta oggi chiedendo di “cambiare l’Europa”.  Questo discorso viene fatto tanto dall’UMP quanto dai Socialisti. Tuttavia, da più di vent’anni nessuno di questi due partiti ha mostrato la benché minima volontà in tal senso. Il solo modo di “cambiare l’Europa” per davvero sarebbe quello di provocare una grave crisi, bloccando il processo decisionale, cosa che la Francia potrebbe fare da sola o assieme ad altri paesi, fino ad ottenere ciò che vogliamo, almeno in parte. Questo è ciò che il Generale De Gaulle fece negli anni ’60 con la sua politica della “sedia vuota”. Tuttavia, né l’UMP né i Socialisti si fanno oggi sostenitori di questa linea, il che pone un dubbio fondamentale sulla loro effettiva volontà di “cambiare l’Europa”. Lo stesso si può dire del partito centrista UDI, dei socialisti dissidenti del “Nouvelle Donne” o del partito ecologista EELV. Aggiungiamo che questi partiti sono debolmente strutturati e sono preda di ambizioni personali e di conflitti tra le varie personalità. Bisognerebbe essere matti per credere che da questi possa venire fuori una qualche possibilità di cambiamento.

In realtà, il discorso sul “cambiare l’Europa” si rivela essere, che sia di proposito o come conseguenza dei mezzi che vengono proposti, un discorso mistificatore. Non si cambia nulla, ma si finge di voler cambiare per legittimare delle posizioni che nei fatti non cambieranno nulla. Non è nemmeno come nel Gattopardo di Giuseppe Tomasi di Lampedusa, “cambiare tutto perché nulla cambi”. In realtà non dobbiamo “cambiare l’Europa”, ma cambiare di Europa. E per questo, si deve cominciare col distruggere ciò che ora rende impossibile alla UE qualsiasi movimento.

Due punti critici

In queste circostanze si sente fortemente la propensione ad astenersi a queste elezioni. Tale è la posizione di alcuni, tra cui Jacques Nikonoff e il M’PEP. È una posizione onorevole, ma erronea. In un’elezione, a meno che non si riesca materialmente ad impedirla, o che il tasso di astensione superi il 90%, gli assenti hanno sempre torto. Quindi occorre definire cosa motiva il voto e quali sono le liste che potrebbero essere votate, sapendo a priori che tra queste non ci sono nè l’UMP, ne l’UDI, nè i socialisti nè EELV. Queste elezioni si giocheranno in realtà su due punti.

Il primo punto è il famoso “Trattato Transatlantico sul Commercio e gli Investimenti” (TTIP). Questo trattato è abominevole per diversi aspetti, sia perché toglie agli Stati le competenze fondamentali su temi quali la sovranità alimentare o la tracciabilità dei medicinali (il che tocca i due punti chiave dell’alimentazione e della salute), sia perché costituisce un malcelato abbandono di tutte le normative francesi ed europee. Questo trattato, come ha confermato Michel Sapin in una dichiarazione il 2 aprile di quest’anno, non verrà sottoposto a referendum. Perciò deve essere stroncato sul nascere, e questo si può fare solamente attraverso le elezioni europee.

Il secondo punto sono, ovviamente, l’euro e le politiche di euro-austerità che esso porta con sè. Per molti mesi abbiamo analizzato tutti i problemi, sia di breve termine che strutturali, causati dall’euro [4]. Dal 2012 sono stati molti gli economisti, ma anche i politici, che si sono detti d’accordo con queste conclusioni [5]. Ora il dibattito si è  generalizzato, e si estende dall’Italia al Portogallo, passando per la Germania [6]. Dev’essere detto e ripetuto: l’unico modo di uscire dal circolo vizioso dell’austerità e del debito è smantellare l’euro.Sulla base di questo argomento lo scorso febbraio il Partito di Sinistra ha significativamente spostato le proprie posizioni verso l’idea di un’uscita dall’euro.

Pertanto, e tenuto conto della natura delle procedure di voto, converrà sostenere e votare, in accordo con le proprie personali preferenze politiche, tutte le liste che si pronunceranno senza ambiguità contro questi due punti. Solo una chiara e netta sconfitta delle liste europeiste (UMP, UDI, Socialisti, “Nouvelle Donne” e EELV) può permettere il chiarimento politico di cui abbiamo bisogno, sia in Francia che in Europa. Dobbiamo rifiutarci di mandare al Parlamento Europeo persone che non faranno altro che prolungare delle politiche che sono già durate troppo a lungo.


I partiti social-democratici dietro al neo-estremismo nero in Europa

“I partiti social-democratici hanno preso una scelta decisiva a metà degli anni ’90: sono entrati in società con il capitale finanziario. Al tempo, aveva un senso. Non era mai stato facile per i socialdemocratici convincere gli industriali, i commercianti, il mondo degli affari in generale, a finanziare il Welfare state al quale erano, invece, impegnati. E’ stato più facile invece chiudere gli occhi agli opachi raggiri dei banchieri degli anni ’90 e 2000 (senza del resto mai comprenderli del tutto) ed, in cambio, ottenere una piccola percentuale delle montagne di rendite che i banchieri producevano per finanziare i programmi sociali – alcuni molto degni, del resto.”
Ma, in modo tragico, nel 2008 le banche sono crollate e le montagne di surplus finanziari si sono trasformati in pesanti perdite. A quel punto, i banchieri hanno richiesto che gli Stati riempissero quei buchi con soldi prestati dai contribuenti ed i socialdemocratici avevano perso sia l’autorità morale che la capacità teorica per opporsi a questi argomenti”.

Più chiaro di così!!!

*************

Alessandro Bianchi intervista Yanis Varoufakis, professore di Teoria economica, all’Università di Atene

fonte: beppegrillo.it/2013/10/la_troika_e_i_nuovi_fascismi.html#comments

originale: http://yanisvaroufakis.eu/2013/10/11/euro-crisis-modest-proposal-social-democracys-waterloo-and-the-threat-of-fascism-interview/

Alessandro Bianchi: “Professore, insieme a Galbraith e Holland, ha aggiornato nel luglio scorso la sua “Modest Proposal“, in cui indicava quattro programmi di politica economica di assoluto buon senso che potrebbero aiutare l’Europa ad uscire dal collasso attuale. Programmi, però, che i Paesi del Nord, Berlino in particolare, hanno dimostrato di non voler attuare in nessun modo. Allo stato attuale delle cose, non ritiene che la migliore soluzione per i paesi dell’Europa meridionale sia l’uscita dalla moneta unica?
Yanis Varoufakis: “Se potessimo tornare indietro nel tempo, la migliore scelta per i Paesi dell’Europa del sud – e dell’Irlanda – sarebbe di rimanere fuori dalla zona Euro. Dal 2000 in poi, il comportamento delle potenze del nord e del sud del continente ha sciolto ogni dubbio su una possibile evoluzione in una entità federale della zona Euro, anche dopo una crisi esistenziale che ha minacciato la sua integrità. Detto brutalmente, le nostre élite hanno commesso un peccato capitale mettendo i paesi periferici in una versione “europea” del Gold Standard, che ha causato massicci afflussi di capitale nelle regioni deficitarie, producendo gigantesche bolle e ha prodotto una depressione permanente negli stessi Paesi in deficit una volta che sono scoppiate le bolle, dando così seguito al 1929 della nostra generazione (il 2008).
Uscire della nostra orribile unione monetaria non ci riporterà, anche nel lungo periodo, al punto in cui saremmo se ne fossimo rimasti fuori. Una volta dentro, una via di fuga potrebbe spingere le nostre balbettanti economie sociali su un terribile precipizio. Soprattutto se ciò avvenisse in modo non coordinato da un Paese ad un altro. Il motivo è molto semplice: a differenza dell’Argentina nel 2002 e della Gran Bretagna nel 1931, uscire dalla zona euro non è solo una questione di disancoraggio tra la nostra moneta ed una straniera, perché non esiste una moneta da disancorare. In altre parole, dovremmo creare una moneta – un compito che richiede almeno 8-10 mesi – per poi disancorare o svalutare. 8/10 mesi di ritardo tra l’annuncio di una svalutazione ed il suo effettivo compimento sono sufficienti per far tornare le nostre economie all’età della pietra.
Naturalmente tutto questo non significa che i Paesi periferici europei debbano subire in silenzio i danni prodotti da un’insostenibile e misantropa Eurozona. I nostri governi possono esercitare i loro poteri di veto al prossimo vertice dell’Unione Europea o riunione dell’Euro-gruppo e chiedere che politiche come quelle che abbiamo proposto nella nostra Modest Proposal vengano discusse seriamente, in modo che sia data la possibilità di riconfigurare il sistema in modo sostenibile.
Alessandro Bianchi: “Il Wall Street Journal di questa settimana ha pubblicato gli inediti resoconti delle dichiarazioni dei membri del board durante la riunione del 10 maggio 2010, che ha poi aperto al piano di salvataggio della Grecia. In diversi avevano predetto la sua insostenibilità, il fatto che avrebbe solo permesso a banche e creditori privati di riappropriarsi dei loro investimenti e peggiorato la situazione socio-economica del Paese, senza migliorare, del resto, l’andamento debito/Pil. Tutto quello che poi è successo nella realtà. Anche alla luce di queste rilevazioni come giudica il comportamento della troika nel suo paese ad oltre tre anni di distanza?”
Yanis Varoufakis: “La troika passerà alla storia come un’Alleanza Sacrilega tra irrazionalità e malvagità. I rappresentanti delle organizzazioni, che sapevano perfettamente che le politiche che stavano imponendo sarebbero fallite, hanno svolto i loro ‘ordini‘ senza rimorso, ragione ed in un modo che ricorda la Banalità del Male di Hannah Arendt. Il loro secondo fine, nascosto dietro una retorica del ‘salvare‘ i nostri Paesi, non era altro che spostare le perdite dai libri contabili della Deutsche Bank e company sulle spalle dei contribuenti europei più deboli (compresi quelli in Germania che stanno sperimentando un dura restrizione del valore reale del loro salario).
Alessandro Bianchi: “Come in diversi altri paesi europei, anche in Grecia assistiamo all’unione dei partiti conservatori e socialisti per difendere un modello economico che ha portato il tessuto sociale al collasso. Come giudica l’azione del Pasok di Venizelos e quanta responsabilità le attribuisce rispetto all’attuale crisi?”
Yanis Varoufakis: “I partiti social-democratici hanno preso una scelta decisiva a metà degli anni ’90: sono entrati in società con il capitale finanziario. Al tempo, aveva un senso. Non era mai stato facile per i socialdemocratici convincere gli industriali, i commercianti, il mondo degli affari in generale, a finanziare il Welfare state al quale erano, invece, impegnati. E’ stato più facile invece chiudere gli occhi agli opachi raggiri dei banchieri degli anni ’90 e 2000 (senza del resto mai comprenderli del tutto) ed, in cambio, ottenere una piccola percentuale delle montagne di rendite che i banchieri producevano per finanziare i programmi sociali – alcuni molto degni, del resto.”
Ma, in modo tragico, nel 2008 le banche sono crollate e le montagne di surplus finanziari si sono trasformati in pesanti perdite. A quel punto, i banchieri hanno richiesto che gli Stati riempissero quei buchi con soldi prestati dai contribuenti ed i socialdemocratici avevano perso sia l’autorità morale che la capacità teorica per opporsi a questi argomenti. Sia come organizzazioni pubbliche sia come singoli politici, avevano venduto la loro anima al diavolo, che era ora ferito e chiedeva loro di rinunciare a tutte le priorità storiche per soccorrere coloro che avevano nutrito il loro caro Welfare state per un decennio. E così si sono piegati alla volontà dei banchieri. Invece di richiedere un default del debito pubblico in Grecia ed uno su quello privato in Irlanda, i socialdemocratici si sono uniti ai conservatori dalla parte dei banchieri per ritardare ogni fallimento fino al momento in cui molte delle perdite delle banche non fossero state trasferite sulle deboli spalle dei contribuenti.
In questa situazione, la base fedele dei partiti social-democratici si è sentita tradita. Dopo aver combattuto per anni per ottenere la distribuzione dei redditi, improvvisamente ha scoperto che il loro partito aveva stretto un’alleanza che, in nome del “salvataggio del paese dalla bancarotta“, ha effettuato la più brutale redistribuzione di reddito a favore di coloro che avevano generato il crac con i loro atti assurdi. Non ci è voluto molto perché i partiti socialdemocratici fossero abbandonati dalle buone intenzioni, dai migliori membri e finire nelle mani sporche dei carrieristi ed opportunisti che li hanno trasformato in loro feudi personali. E’ questo è proprio il caso del Pasok di Venizelos.”
Alessandro Bianchi: “Il partito all’opposizione più credibile che si oppone al commissariamento della troika oggi in Grecia è Syriza. Pensa che arriverà mai al governo? E come giudica l'”agenda europea” di Tsipras recentemente annunciata al Kreisky Forum di Vienna?
Yanis Varoufakis: “La mia paura è che la vittoria di Syriza possa arrivare troppo tardi. Vale a dire, dopo che i banchieri, in combutta con l’attuale governo, abbiano costruito una Nuova Cleptocrazia che, nel tempo in cui Tsipras sarà primo ministro, si sarà trasformata in uno Stato nello Stato. Per quel che riguarda la sua recente “Agenda europea“, penso sia un faro nell’oscurità attuale del paesaggio europeo.”
Alessandro Bianchi: “L’ultimo punto della sua Modest Proposal 2.0 invoca la creazione di un programma di solidarietà sociale per garantire i bisogni minimi esistenziali di tutti i cittadini europei ed impedire che la crisi sia il pretesto per l’ascesa dei totalitarismi. Ritiene possibile il ripetersi di quanto accaduto negli anni’30 del 1900? E la situazione della Grecia è così differente da quella degli altri paesi dell’Europa meridionale?”
Yanis Varoufakis: “Si, abbiamo ripetuto gli errori degli anni ’30 e dovremo, dunque, non essere sorpresi se stiamo evocando gli stessi tipi di demoni. Per fortuna, Portogallo e Spagna non hanno visto l’ascesa di partiti nazisti. Ma i due Paesi non hanno neanche avuto, almeno non ancora, una perdita del 30% del loro Pil. Se le cose dovessero continuare a peggiorare non ho dubbi che i nazionalismi estremi infileranno le loro brutte teste anche lì. Nel frattempo, l’estrema destra, i partiti filo-nazisti stanno crescendo in Danimarca, Olanda, Austria, nella regione scandinava ed in Ungheria. L’Europa sta giocherellando con fantasmi molto pericolosi che si nutrono e si rinforzano con ogni atto di diniego della vera natura della crisi.” Alessandro Bianchi

Leggi la “Modest Proposal” di Yanis Varoufakis

 

 


I Greci hanno salvato le banche tedesche e francesi

Intanto un paio di chiarimenti visto che non sono un economista e anche io queste cose le ho dovute imparare.

  1. Chi presta soldi si assume un rischio (quello di non vederseli restituiti) che si concretizza nel tasso di interesse sul capitale prestato. Se ti do 10 tu mi restituirai 12. Il 2 aggiunto è di fatto la quantificazione economica del rischio (che però spesso non viene calcolato come altri “rischi di impresa”.  E si dà per scontato che la restituzione sia “ad ogni costo”)
  2. Ristrutturare un debito sovrano significa che anche il creditore perde parte del suo investimento (si badi bene si parla di “investimento£ ovvero non un prestito caritatevole ma un acquisto di titoli di Stato a pure e semplice fine speculativo
  3. Non ristrutturare un debito significa che pagano solo i cittadini
  4. Optare per la soluzione 3) è ovviamente un’idiozia logica, soprattutto in un periodo di crisi economica. Non ci vuole un genio per capire che l’unico modo in cui si può scaricare sui cittadini il costo del debito è aumentando le tasse o tagliare la spesa. Che si opti per uno o per l’altra, in un’economia di mercato, la fine è chiara a chiunque: la spirale della recessione. Meno soldi in tasca alla gente, meno acquisti, meno PIL. L’aumento delle tasse inoltre significa anche una contrazione immediata dell’offerta di lavoro che spinge in alto la disoccupazione. Il che spinge ancora più in basso i consumi . Applicando di fatto un effetto moltiplicatore sulla velocità in cui l’economia peggiora
  5. Applicando 3 e arrivando a 4, prima o poi si arriva anche a 2 (se non si vuole scatenare una guerra di quelle vere … quelle con i fucili)

Possibile che queste banali regolette da economia domestica non fossero chiare al FMI quando si decise di “salvare” la Grecia?

No, infatti. Il piano di salvataggio della Grecia (il primo) fu semplicemente altro. In quell’occasione vennero salvati i crediti delle banche (private) francesi e tedesche che avevano in mano i titoli di Stato greci.

E i documenti del FMI dimostrano che nel direttivo gli scettici c’erano eccome e che il piano fu applicato nonostante tutto. Il che ovviamente ha portato a nuovi piani di “salvataggio” in cui anche i creditori hanno visto toccati i loro interessi.

Non ho i numeri ma sono convinto, chissà com’è, che procedere con 3-4-2 sia molto più vantaggioso che procedere direttamente con 2.

E sono anche convinto che la misteriosa nomina della Lagarde (Ministra francese che si occupava di proteggere le banche del suo paese) alla presidenza del FMI (allora scettico sul piano greco) non sia stata né meritocratica né casuale.

Attenti quindi quando vi parlano di debito a ricordare che senza debito il capitalismo non funziona. Il debito non è una roba “cattiva” è solo l’altro nome del “credito”.

Buona lettura

*********************************************************************************

Fonte: vocidallagermania.blogspot.it/2013/10/i-documenti-confidenziali-del-fmi.html

I documenti confidenziali del FMI sul caso greco

Che il salvataggio greco sia stato fatto su misura dei creditori esteri di Atene, lo sapevamo già. Adesso arrivano i verbali segreti delle sedute del FMI a confermalo. Dal wsj.de

La Grecia nel 2010 doveva essere salvata con un pacchetto di aiuti miliardario? I documenti confidenziali di cui è in possesso il Wall Street Journal mostrano che il FMI al proprio interno era profondamente diviso. Nonostante cio’, si decise di concedere ugualmente gli aiuti.

I documenti confidenziali sono in palese contrasto con le dichiarazioni ufficiali del FMI e non mancheranno di riaccendere la discussione sul possibile taglio del debito greco. La Germania ed altri altri stati europei infatti continuano a rifiutare una ristrutturazione del debito greco nel tentativo di nascondere agli occhi dei propri elettori la reale situazione. Ma visto che il FMI in futuro non intenderà concedere nuovi aiuti alla Grecia se il debito non dovesse scendere, molto probabilmente si dovrà arrivare ad una decisione in questa direzione.

Un terzo dei membri del FMI aveva dei dubbi

Data l’estrema incertezza che caratterizzava l’intero piano di salvataggio, sin dall’inizio il FMI si è pronunciato a favore di un taglio del debito.  Il primo piano di aiuti è stato approvato il 9 maggio 2010, e gli atti relativi alla decisione – catalogati come segreti o altamente confidenziali – ci offrono una visione degli avvenimenti interni al FMI.

Quasi un terzo di tutti i membri del consiglio direttivo, che insieme rappresentano oltre 40 paesi non europei, secondo gli atti, avevano dei forti dubbi sull’intero piano di salvataggio greco. Erano in molti a ritenere che il programma di salvataggio stava spostando sui greci l’intero onere dell’aggiustamento, mentre dai creditori europei non si pretendeva alcuna rinuncia. Molti membri del FMI sostenevano infatti che il salvataggio non avrebbe avuto successo se i creditori esteri della Grecia non avessero rinunciato ad una parte dei crediti.

“Sul tavolo della discussione dovrebbe esserci la possibilità di una ristrutturazione del debito”, affermava Pablo Andrés Pereira durante la difficile riunione del 2010, all’epoca direttore esecutivo e rappresentantante argentino. Il fondo, secondo Pereira, “corre il rischio di ritardare o addirittura peggiorare l’inevitabile default greco”.

I rappresentanti di Brasile, Russia, Canada e Austrialia, sempre secondo gli atti, nella stessa seduta hanno parlato degli immensi rischi cui il programma di salvataggio andava incontro. Il rappresentante brasiliano al FMI, sempre secondo gli atti, definiva il piano “inappropriato e decisamente non sostenibile” o piu’ semplicemente un “salvataggio dei creditori privati dello stato greco, soprattutto degli istituti di credito europei”.

I rappresentanti europei ed americani, che nel consiglio direttivo hanno oltre la metà dei diritti di voto, sono comunque riusciti ad ottenere un numero sufficiente di voti per approvare il programma di salvataggio.

Il programma di aiuti finanziari prevedeva infatti come condizione una forte riduzione del debito ed un aumento delle tasse. La ristrutturazione del debito – sotto forma di rinuncia dei creditori, riduzione dei tassi oppure un allungamento della durata – non era prevista. E cio’ ha salvato i detentori di titoli greci (principalmente banche europee) dalle perdite in cui sarebbero incorsi con una ristrutturazione.

Gli interessi europei sono piu’ importanti di quelli greci

Alcuni dei membri del FMI all’epoca contrari al programma di salvataggio, continuano a sostenere che sono stati tutelati gli interessi dei paesi creditori, ma non quelli greci. Dal 2009 l’economia greca si è ridotta di un quinto e il tasso di disoccupazione del paese è salito a quasi il 28 %. La situazione attuale spinge il FMI a chiedere ai paesi europei una rinuncia ai crediti, almeno stando alle recenti dichiarazioni degli attuali rappresentanti del FMI.

“Il piano di aiuti non è stato un programma di salvataggio per la Grecia, piuttosto dell’ Eurozona”, dice uno dei rappresentanti del FMI presenti alla riunione del 2010.

I documenti riservati mostrano che diversi membri nel consiglio direttivo del FMI sin dall’inizio guardavano con molto scetticismo alle previsioni economiche: le consideravano “eccessivamente ottimiste” oppure “troppo positive”.

Per molti versi, la storia del piu’ grande pacchetto di salvataggio approvato dal FMI, dovrà essere interamente riscritta.

L’allora direttore del FMI Dominque Strauss-Kahn nel maggio 2010 dichiarava ai giornalisti che il fondo “non aveva alcun dubbio sulle possibilità di successo del piano”. Ma dietro le quinte una parte importante del direttorio nutriva dei forti dubbi sull’efficacia del piano o addirittura era arrabbiata, almeno da quanto si legge fra i verbali delle riunioni.

Rabbia e frustrazione nel direttorio FMI

Gli aggiustamenti finanziari richiesti alla Grecia sono uno “sforzo immane a cui l’economia non riuscirà a far fronte”, ha dichiarato l’ex direttore del FMI, l’indiano Arvind Virmani, durante la seduta in cui è stato approvato il primo pacchetto di salvataggio. Il numero uno del fondo si era infatti già chiesto se le dimensioni del risparmio che il FMI si aspettava dalla Grecia non avrebbero piuttosto fatto fallire il programma e portato il paese al default.

Tutti i tentativi di raggiungere l’ex capo del FMI Strauss-Kahn per avere un commento sul tema purtroppo sono andati a vuoto. Nel frattempo il FMI ha riconosciuto alcuni errori. In un rapporto pubblicato nel mese di giugno, il Fondo ha finalmente ammesso che alcune proiezioni finanziarie erano troppo rosee.

I funzionari del FMI tuttavia hanno sempre sottolineato le loro buone intenzioni: quando nel 2010 il piano di salvataggio è stato approvato, il FMI nelle proprie considerazioni interne non riteneva necessaria una ristrutturazione del debito

“Nel maggio 2010 sapevamo che la Grecia avrebbe avuto bisogno di un fondo di salvataggio ma non che sarebbe stata necessaria una ristrutturazione del debito”, ha detto il direttore del FMI Christine Lagarde in un’intervista rilasciata in giugno. “Non sapevamo che la situazione economica generale sarebbe peggiorata cosi’ rapidamente come poi ha fatto”, sempre Lagarde.

Nei primi mesi del 2011, quando orami era chiara la non sostenibilità del debito, il FMI ha preteso una ristrutturazione, conferma un portavoce del FMI.

Già nel 2010 si parlava di un taglio del debito

I documenti confidenziali del FMI mostrano che sin dall’inizio si parlava apertamente della necessità di ristrutturare il debito greco. Nella seduta del maggio 2010 i rappresentanti del Medio oriente, dell’Asia e dell’America Latina hanno chiesto piu’ volte perché questa opzione non fosse stata presa in considerazione.

I rappresentanti europei invece sono rimasti “molto sorpresi” quando la Svizzera “con molta enfasi”, all’interno del consiglio direttivo FMI si è schierata a fianco dei critici, sempre secondo i verbali delle sedute. “Perché una ristrutturazione del debito e il coinvolgimento del settore privato non sono stati contemplati dal piano di salvataggio?”, chiedeva il rappresentante svizzero René Weber.

Oggi il FMI sostiene che nel 2010 una ristrutturazione non sarebbe stata praticabile. Il rischio che i problemi finanziari greci potessero diffondersi anche verso altri paesi era troppo grande.

Una larga parte dei titoli di stato greci allora era in possesso delle banche tedesche e francesi. Per questa ragione la ristrutturazione non era una possibilità contemplata dai capi di stato europei. E gli USA temevano per i loro investimenti miliardari nel capitale delle banche europee.

L’attuale presidente del FMI Lagarde, all’epoca ancora Ministro delle finanze in Francia, era impegnata a limitare con ogni mezzo le perdite per le banche del suo paese. Le banche francesi avevano infatti una grande esposizione verso la Grecia.

Nel 2013 nel direttorio del FMI arriva la svolta

In una relazione del giugno 2013 il FMI ha ammesso “carenze significative” nel programma di salvataggio greco, sebbene il fondo avesse già indicato la strada da seguire. “Sin dall’inizio sarebbe stata preferibile una ristrutturazione del debito, sebbene per i partner europei fosse inaccettabile”, si dice nel rapporto.

Il FMI constata che sin dall’inizio l’operazione di salvataggio ha permesso ai creditori privati di ridurre l’esposizione, scaricandone i costi “sul contribuente e sul settore pubblico”.

Diversi rappresentanti del FMI già 3 anni fa avevano messo in guarda. “Si puo’ dire che l’operazione piu’ che un programma di salvataggio per la Grecia, sia  una forma di salvataggio dei creditori privati, soprattutto degli istituti finanziari europei”, affermava il rappresentante brasiliano Paulo Nogueira Batista durante una seduta del 2010.

Gli scettici avevano ragione. La Grecia non è riuscita a raggiungere gli obiettivi finanziari concordati e nel 2012 ha avuto bisogno di un ulteriore piano di salvataggio. Nel piu’ grande piano di salvataggio mai intrapreso dal FMI, i creditori privati hanno dovuto farsi carico di una parte delle perdite

Con il collasso dell’economia greca il debito del paese è esploso. E la situazione potrebbe spingere i governi dell’Eurozona a mettere in campo un terzo pacchetto di salvataggio. Ma questa volta dovranno necessariamente rinunciare ad una parte dei crediti verso la Grecia.


Usciremo dall’euro e Berlusconi vincerà

Come dire, spererei nella prima e non nella seconda. Ma in un paese in cui l’idiozia ti porta più in alto che più in alto non si può, ho la vaga impressione che si realizzerà la seconda. E che la prima non sarà un’evenienza strategicamente pensata. Ponderata e gestita. Ma un tracollo rovinoso.

Berlusconi vincerà perché sarà lui a cavalcare questa battaglia. E la cavalcherà magari solo in funzione elettorale. Uno dei suoi “organi” oggi inizia a preparare il terreno. Libero scrive a firma De domnicis

Il conto, un po’ brutale, fa impressione e sfiora i 2mila miliardi di euro. Stiamo parlando dell’avanzo della bilancia commerciale tedesca, calcolato nel periodo che va dal 1999 al 2012: in 14 anni di euro la Germania ha portato a casa un bottino incredibile. La differenza tra le esportazioni  e le importazioni – indicatore che fino all’arrivo della moneta unica  era in profondo rosso dalle parti di Berlino – ha assicurato all’economia tedesca un avanzo pari a 1.873,3 miliardi di euro. Facendo un raffronto tra la bilancia commerciale tedesca e  quella italiana,  salta fuori la  «sconfitta» secca per il nostro Paese. Che con l’euro, nonostante l’export abbia tenuto botta (pure sotto i colpi della profonda recessione), ha invertito la rotta positiva assicurata dalla lira e ora segna un deficit. Ora l’Italia deve fare i conti con un disavanzo, calcolato nel periodo 1999-2012, di 351,5 miliardi di euro.

L’errore è all’origine. È il 1998. Si deve decidere il tasso di cambio delle valute europee: Berlino impone il valore del marco a tutto il Vecchio continente  e – proprio grazie al cambio favorevole, insieme coi restrittivi parametri di Maastricht sui conti pubblici tarati su misura per la Germania –   riesce  in pochissimo tempo a rovesciare il tavolo dell’import-export.

Sul cartaceo l’articolo prosegue affrontando gli altri temi: disoccupazione, bilancia commerciale. Ma il senso è chiaro. La grande battaglia per l’Europa Unita era una trappola. Ben architettata, in cui per incompetenza o per collusione i paesi europei (ma in primis i signori del nostro centro-sinistra di allora … vi ricordate i vari Prodi-Amato-D’alema e compagnia cantante?) caddero. E se la rivendettero con i popoli come una mitica età futura di equità, cooperazione e prosperità. Un po’ alla maniera dei  Conquistadores che reclutavano la ciurma per i velieri promettendo l’Eldorado.

Oggi ne paghiamo tutti le conseguenze. Soprattutto quelle economiche. Ma anche quelle culturali. Anche i più scolarizzati, infatti, continuano a pensare che la nostra sia una crisi di debito pubblico. No way. Siamo nel cuore di una tempesta che dipende dal debito PRIVATO e dalla BILANCIA COMMERCIALE.

D’altra parte però anche la Germania non se la passa bene. Il FMI ha rivisto al ribasso la crescita per il 2013. In sostanza, le misure di riduzione salariale (deflazione interna) e la spinta mercantilistica (esportazione verso i paesi dell’Eurozona grazie a prezzi bassi dovuti alla deflazione), non può durare. Cosa esporti se chi importa non ha più un euro per acquistare?

E infatti il cannibale prima o poi muore di fame se non dà ai suoi simili almeno il tempo di riprodursi.

Come dico da tempo … mi raccomando signori della pseudo-sinistra e dell’opposizione a 5 stelle … aspettate che sia Berlusconi a cavalcare questa battaglia !!

Neanche se ve la spiaccicano in faccia riuscite a vedere la luna mente continuate a guardare il dito … che assomiglia sempre più a un bel medio alzato!!

L’Eurozona si smembrerà come si smembrò lo SME. Tutto sta a capire quando e come. Più tardi succederà. Meno sarà pianificato. Più dure saranno le conseguenze. Per tutti.

Qui una bella analisi con i dati che vi copio e incollo.

————————————

Il Fondo Monetario Internazionale ha rivisto al ribasso le stime di crescita della Germania per il 2013. Ad aprile, infatti, si prevedeva una modesta crescita dello 0,6% che adesso viene derubricata a un’ancora più misero +0,3%.

Spiegare perché la Germania sta morendo assieme ai suoi “partner” dell’Eurozona è molto semplice:

1. La politica economica e commerciale tedesca di tipo mercantilistico (esportare il più possibile e ridurre le importazioni per mantenere un saldo estero positivo: “essere competitivi” come si dice spesso sui media) ha dapprima condotto a una forte riduzione dei salari dei lavoratori tedeschi, che sono fortemente scesi in termini reali a partire soprattutto dal 2003 – vedi il grafico tratto dal documento dell’International Labour Organization delle Nazioni Unite, Global Employment Trends 2012, p. 45. Come fra l’altro ha anche confessato pubblicamente uno dei consulenti che ha preso parte alla riforma del mercato del lavoro introdotta in Germania (le cosiddette riforme Hartz).

salari-tedeschi

E perché, domanderete, i salari non crescevano? Ovviamente perché se il salario non cresce difficilmente il lavoratore tedesco può comprare beni e servizi prodotti a casa propria o all’estero (meno soldi hai e meno cose compri). In questo modo, da un lato, i beni prodotti dai lavoratori tedeschi  potevano essere esportati e, dall’altro, si conteneva anche la spesa per beni e servizi di importazione. Il tutto a vantaggio del produttore tedesco che vedeva così aumentare i propri profitti via export.

Qual è in altre parole il concetto di fondo: deprimere i consumi interni per favorire una politica di stampo mercantilistico che punta tutto su un saldo commerciale ed estero attivo. Ovviamente se i salari non crescono in linea con ciò che si produce, anche i consumi interni stenteranno a crescere. Infatti, non stupisce che la Germania dall’ingresso nell’Euro e fino allo scoppio della crisi americana nel 2007 sia stata il paese che è cresciuto meno in Europa (dietro solo all’Italia). Non ci credete?! Ecco i dati tratti dal Fondo Monetario Internazionale (World Economic Outlook Database, aprile 2013):

media-tasso-crescita-1999-2007

Quando si parla dei vantaggi che la Germania ha tratto e trae dalla permanenza nell’Euro non dobbiamo mai dimenticare che ci si riferisce sempre ai vantaggi di una determinata categoria: il produttore, l’industriale, il capitalista tedesco. Non si parla certamente dei lavoratori tedeschi, che di fatto producono di più per guadagnare di meno e vendere al resto del mondo i propri beni a tutto vantaggio dei profitti delle grandi aziende alemanne. Che dite, la cosa potrà finire bene?

Ma non finisce qui, arriviamo al secondo aspetto cruciale:

2. Il giochino è andato avanti fintanto che i paesi del sud Europa avevano abbastanza soldi per comprare i beni tedeschi (soprattutto perché le banche tedesche veicolavano prestiti ai paesi del sud Europa, che in parte venivano usati proprio per comprare gli stessi beni tedeschi). Ma adesso che i redditi dei paesi della periferia sono stati sbriciolati via austerità (imposta proprio dai creditori esteri, tedeschi in testa, ai paesi debitori) anche la domanda estera teutonica sta inesorabilmente calando. In parole povere: se nessuno ha più un soldo in tasca chi ti compra ciò che produci?

Quindi l’equazione è semplice:

calo della domanda interna (causato da diminuzione dei salari) + calo della domanda estera = implosione dell’economia tedesca.


Non abbiamo piu’ bisogno dell’Euro

Se ne sono accorti pure i tedeschi. E a proposito di loro, ieri in un’intervista alla stampa Prodi tornava sulla questione dell’euro dicendo

In Europa c’è un paese più forte di tutti, la Germania, ossessionato dal rigore e dall’inflazione in maniera talmente profonda che rischia di danneggiare anche sé stesso. […] Politicamente non le conviene cambiar rotta, ma pragmaticamente è una posizione che non riesco a capire. […] un anno fa fioccavano studi che certificavano l’austerità come formula assoluta per combattere il debito killer. Lo stesso FMI sosteneva che fosse l’unica medicina in grado di curare la crisi. Oggi si hanno prove che non è così e perfino l’FMI ha detto che si è andati un po’ troppo oltre.

Alcune precisazioni sui grassetti:

  • Fioccavano studi che certificavano l’austerità. E meno male che questo dovrebbe essere un’economista esperto. Di studi, caro Prodi, ne fioccavano (e forse di più) che dicevano l’esatto opposto. Vedi la teoria della aree valutarie ottimali. Roba di cui sa addirittura il sottoscritto che non è nemmeno laureato in economia. Il problema è solo nella volontà politica di ascoltarle
  • Il debito killer. E anche qui Prodi/La Stampa non rinunciano al terrorismo mediatico. Il capitalismo è un sistema economico basato sul debito. Se non esistesse il debito, non esisterebbe nemmeno il credito. Ma va beh. Altra roba da Economia I, lezione I. Prodi non è che non lo sa. Fa finta di non saperlo
  • Il FMI sosteneva l’austerità. In realtà la sostiene tutt’ora. Fa parte delle ricette consuetudinarie propinate a tutte le economie “in difficoltà” (spesso causate ad hoc) che il FMI si affretta a soccorrere. I soldi prestati vanno restituiti e i tagli alla spesa servono a questo. Ma soprattutto a inscenare la famosa credibilità che spinge i capitali speculativi a inondare l’economia in difficoltà. Promettendo miracoli e risultando (nel 90% dei casi finora) in macerie.

Durante l’intervista Prodi dichiara anche che “così si dà l’impressione che l’euro sia una moneta debole. Invece è fortissima”. Il termine in economia ha valenze multiple. E il furbone lo sa. Cosa significa forte? Che vale tanto? O che promette benessere a ci la usa? Perché nel secondo caso direi che il tedesco Oskar Lafontaine è molto più onesto. E leggere la sua analisi ci fa capire quanto anche il miglior Prodi sia in realtà pessimo.

 

Lafontaine: non abbiamo piu’ bisogno dell’Euro

Fonte: vocidallagermania.blogspot.it

Il leader storico della sinistra tedesca, Oskar Lafontaine, con un importante commento su Handelsblatt, esce allo scoperto e attacca la moneta unica: l’Euro è un fallimento, abbiamo bisogno di un nuovo sistema monetario europeo. Da Handelsblatt.de

L’Eurosistema è stato progettato in maniera sbagliata e non puo’ funzionare. Una casa con la statica difettosa, prima o poi crollerà. Abbiamo bisogno di un nuovo sistema monetario europeo piu’ stabile.

Il pioniere della SPD e direttore di lunga data dell’Istituto Max Planck per la ricerca sociale di Colonia, Fritz Scharpf, scrive: siamo stati ingannati da false teorie economiche e dal nostro entusiasmo per l’Europa. L’Euro ha prodotto sfiducia, disprezzo e ostilità fra i popoli europi. Chi ama l’Europa, vuole la fine dell’Euro. Con queste parole ha fatto partire all’interno della SPD una discussione sull’attuale politica europea.

Coloro che in passato si sono espressi sull’Euro, sostenevano di amare l’Europa. Tuttavia giungevano a conclusioni molto diverse.

Prima di tutto ci sono quelli che considerano l’Europa un mercato di sbocco per l’export tedesco. Da buoni nazionalisti camuffati, i rappresentanti del sistema economico e dei partiti tradizionali, quando si parla di un’alternativa al sistema attuale, iniziano ad illustrare i pericoli per l’economia dell’export tedesco. Raramente capita di sentire questi “europeisti” parlare della catastrofe umana del sud Europa.

Piu’ credibili nel loro impegno per l’Europa, invece, sono coloro che vedono nel trasferimento di sovranità alle istituzioni europee e in un rafforzamento del Parlamento europeo un modo per salvare l’Euro. A loro si dovrebbe obiettare: non si tratta dell’Euro, ma dell’Europa. I fan di Merkel – “Se muore l’Euro, muore l’Europa” – ancora una volta dimostrano di avere un concetto di democrazia molto limitato: se il Parlamento europeo viene rafforzato, allora andrà tutto bene.

Al centro dell’ideale europeo ci sono la democrazia e lo stato sociale. Vogliamo coinvolgere quanto piu’ possibile i cittadini e le cittadine sulle decisioni riguardanti la cosa pubblica, e vogliamo garantire attraverso un’assicurazione sociale la possibilità di coprire i cosiddetti rischi della vita.

Il progressivo trasferimento di sovranità alle istituzioni di Bruxelles è la strada sbagliata per consolidare la democrazia e lo stato sociale. I principi fondativi di una società democratica, in cui prevalgono gli interessi della maggioranza, sono la sussidiarietà e il decentramento. Cio’ che, partendo dalla comunità al livello piu’ basso, puo’ essere fatto in maniera decentrata, non deve essere trasferito al livello superiore – provincia, regione, stato federale, Europa.

Il nostro sistema economico invece centralizza sistematicamente. Coloro che consciamente o inconsciamente pensano all’interno delle sue categorie, ne sostengono una ulteriore centralizzazione. Ci sono due importanti ambiti economici che ci mostrano quanto questo percorso di sviluppo sia sbagliato. La globalizzazione e la centralizzazione delle banche promossa dal capitalismo finanziario hanno portato l’economia mondiale alla crisi attuale. Una società democratica dovrebbe tornare al sistema delle casse di risparmio di piccole dimensioni, e porre fine al devastante trambusto dei giocatori d’azzardo. Che Wall Street ormai governi gli Stati Uniti è diventato un luogo comune, e che in Europa i governi e i parlamenti seguano le direttive delle banche è ormai evidente.

La concentrazione nel settore energetico ha portato all’energia atomica e oggi dà vita ad un grande progetto industriale come Desertec. Una politica energetica amica dell’ambiente dovrebbe essere decentrata e basata sulla ri-municipalizzazione. Alcune piccole comunità già oggi si fondano sull’auto-approvvigionamento di energia.

Il progetto per il progressivo trasferimento di sovranità a livello europeo, pieno di buone intenzioni, come si puo’ vedere da questi esempi, non è giustificato dai fatti e ci porta ad un ulteriore smantellamento della democrazia. Nessun Parlamento sarebbe controllato dalle lobby piu’ di quello europeo.

L’Eurosistema attuale ci sta portando alla distruzione dello stato sociale, non solo nel sud Europa. La politica imposta dai partiti tradizionali e fondata sull’Agenda 2010 ha demolito lo stato sociale tedesco, e con una politica di dumping salariale deve essere considerata responsabile per il fallimento dell’Eurosistema.

Affinché la casa europa, mal costruita, non crolli, dovranno essere innalzati dei muri di sostegno. Il sistema monetario europeo dovrà essere flessibile e democratico. Poiché l’egemonia della Bundesbank all’interno dello SME veniva considerata insopportabile, gli stati europei, sotto la guida della Francia, hanno imposto la moneta unica. E ora che “l’Euro finalmente parla tedesco”, come hanno detto i bravi nazionalisti cristiano-democratici, gli europei, invece dell’egemonia Bundesbank, si sono guadagnati i diktat di una Cancelliera inesperta d’economia.

L’Eurosistema è stato progettato in maniera sbagliata e non puo’ funzionare. Una casa, la cui statica è difettosa, prima o poi crollerà. Come sostenitori dell’Euro abbiamo creduto a lungo di poter cambiare la costruzione europea e rendere la casa stabile. Gli ultimi anni ci hanno pero’ mostrato che è stato un errore. L’introduzione di una moneta unica ma con diverse politiche economiche, finanziarie, sociali, salariali e fiscali, in presenza di dumping salariali e fiscali, non poteva funzionare.

Alcuni dei paesi in crisi continuano ad operare uno sfacciato dumping fiscale. La Germania, ai tempi del governo rosso-verde e della grande coalizione, ha accelerato il passo nella corsa europea alla competizione fiscale mettendo in campo un irresponsabile dumping salariale. Con l’Eurocrisi si è sviluppato un circolo vizioso in cui gli squilibri sono diventati sempre piu’ grandi.

Il quadro istituzionale europeo – limiti al deficit, nessun finanziamento pubblico da parte della banca centrale, nessuna unione di trasferimento e la clausola di no bail-out – alla luce della situazione attuale, non puo’ durare a lungo. Di fatto la violazione dei trattati e del diritto sono diventati il fondamento per il salvataggio delle banche e degli stati. Lo stato di diritto appartiene all’Europa quanto la democrazia e lo stato sociale.

Il sistema monetario proposto per il rinnovo delle politiche di integrazione europea dovrà evitare gli errori politici ed economici del suo predecessore. Le svalutazioni e le rivalutazioni dovranno seguire i differenziali di inflazione. Soprattutto dovrà esserci una legittimazione democratica. Non dovrà esserci l’egemonia di una banca centrale o di un governo. Una istituzione controllata o almento legittimata democraticamente sarà obbligata ad operare interventi monetari che possano stabilizzare l’economia europea e la difendano dal caos dei mercati finanziari. La reintroduzione del controllo sui capitali aiuterà a combatterne la fuga verso l’estero.

L’argomento spesso usato per sostenere che il passaggio ad un altro sistema monetario è collegato con disordini sociali, è senza dubbio vero. Ma restare nel sistema attuale ci porterà a danni ancora maggiori. Una transizione ragionevole e controllata verso un nuovo sistema monetario europeo è sicuramente meglio di una inevitabile rottura, a cui volenti o nolenti, saremo costretti.


Il Dio Euro e il mito vichingo

L’Islanda, il paese che si è ribellato ai banchieri, ha scritto la costituzione online, ha cacciato i responsabili del disastro e si è rialzata sulle sue gambe. Tornando a crescere e facendo il writedown dei mutui per la gente che non riusciva più a pagare. La storia è talmente bella da non sembrare vera. E infatti non lo è. O almeno così sembra.

Il 28 aprile ci sono state le elezioni e le hanno vinte i partiti che avevano causato il dissesto che tutti conosciamo. Privatizzazione delle banche, aggancio alla finanza creativa legata alla bolla americana dei subprime, paese sull’orlo del baratro.

Secondo i primi dati avrebbe vinto il Partito dell’Indipendenza di Bjarni Benediktsson, 43 anni, che ha ottenuto il 25 per cento dei voti e 19 seggi all’Althing, mentre il partito di centro (Progresso) di Sigmundur David Gunnlaugsson, 38 anni, otterrà 18 seggi in Parlamento grazie al 22 per cento dei voti. La maggioranza richiesta è di 32 seggi su 63, e con i 37 ottenuti da due partiti il governo è assicurata.

Crollano invece i partiti di governo di centrosinistra: l’Alleanza socialdemocratica avrà 9 seggi con il 13 per cento dei voti, più o meno come i Verdi, mentre il partito Futuro Luminoso, centrista e a favore dell’euro, avrà invece 6 seggi.

Da qui: http://www.rischiocalcolato.it/2013/04/il-vento-sembrerebbe-aver-cambiato-direzione-le-elezioni-islandesi.html

C’è qualcosa che non va. Se il governo della socialdemocratica Johanna Sigurdardottir avesse compiuto il miracolo che ci raccontano in Italia, perché i cittadini avrebbero dovuto votare di nuovo quelli che li avevano condotti quasi sul lastrico?

Oggi se lo chiede anche Steingrímur Sigfússon ministro delle finanze uscente in una intervista al Financial Times:

I was part of the ousted centre-left coalition that stopped the slide. At the time of last month’s election, the deficit was turning into a surplus, the currency had stabilised, inflation had dropped to less than 4 per cent and unemployment had halved.

The Icelandic recovery was not based on the sort of austerity measures seen elsewhere in Europe. Low-income groups and the unemployed were protected. Debt on homes with negative equity was written down. The International Monetary Fund rather unexpectedly lauded Iceland for retaining our Nordic welfare system.

In sostanza il poveretto (il discorso sembra gliel’abbia scritto Bersani) si chiede esterrefatto come sia possibile. Abbiamo risanato, non abbiamo tagliato lo stato sociale, nemmeno il FMI si lamenta, com’è possibile? La risposta che ci fornisce è ovviamente che i cittadini sono scemi. Che i partiti del centro-destra hanno fatto promesse di corto termine e hanno avuto la meglio perché gli elettori non sono in grado di percepire i benefici a lungo termine della ristrutturazione e del pareggio di bilancio.

Ma come ristrutturazione! Ma come pareggio di bilancio! Ma l’Islanda non era questa?

In Islanda si è tenuto un referendum, promosso da 60.000 islandesi, per decidere se ripianare con soldi pubblici il fallimento della banca Landsbanki legato ai depositi Icesave. Il 93% degli islandesi ha votato contro il pagamento pubblico, solo l’1,8% a favore. Gli islandesi sapevano che il no al salvataggio della banca avrebbe messo a rischio l’ingresso dell’Islanda nella UE. La perdita di di 3,9 miliardi di euro di Icesave infatti ha colpito soprattutto risparmiatori britannici e olandesi. I governi di Gran Bretagna e Olanda hanno fatto forti pressioni per la restituzione dei depositi versati dai loro cittadini. Gli islandesi si sono rifiutati di pagare per gli errori di una banca privata e degli enti che avrebbero dovuto controllarla. E’ una fantastica notizia!

Da qui: http://www.beppegrillo.it/2010/03/il_ruggito_dellislanda.html

O questa?

C’era un paese che aveva nei confronti delle potenti banche estere un debito di diversi miliardi, pari a decine di migliaia di euro di debito a carico di ciascun cittadino! Le banche creditrici, appoggiate dal governo, hanno proposto misure drastiche a carico dei cittadini, che ciascun cittadino avrebbe dovuto pagare con tasse e/o minori servizi, qualcosa come 100 euro al mese per 15 anni! I cittadini sfiduciarono il governo, si fece strada l’idea che non era giusto che tutti dovessero pagare per errori e ruberie commessi da un manipolo di banchieri e politici, decisero poi di fare un referendum che con oltre il 90% dei consensi stabilì che non si dovesse pagare il debito.

Daqui: http://www.beppegrillo.it/2012/08/la_favola_islan.html

La risposta è almeno duplice.

Primo. Il mito nordico dei vichinghi ribelli è esattamente ciò che è: un mito. Nel senso etnologico (e non peggiorativo) del termine. Ovvero una ricostruzione culturale e atemporale che mescola eventi veri e fittizi. Attraverso i miti una cultura fonda sé stessa. Elabora la propria cosmologia. E la elabora nel momento storico in cui il mito viene prodotto. Quindi il mito è un riflesso dei bisogni del presente elaborativo, non una ricostruzione degli eventi che vi hanno condotto. E il mito nordico dell’Islanda ribelle contro il capitale internazionale è in questo senso un mito della crisi. E uno dei protagonisti è proprio la finanza internazionale.

La storia però e diversa.

Cosa stiamo intuendo, quindi, dalla situazione islandese? Allora, andando per ordine, per quanti si sono distratti:

  • L’Islanda è stata per tre anni in assistenza del Fondo Monetario Internazionale;
  • L’operazione di salvataggio del proprio sistema finanziario domestico è stata estremamente costosa per il contribuente;
  • I controlli sui capitali, in vigore dal 2008 a mai allentati, stanno determinando una nuova bolla immobiliare, mentre i mutuatari, come detto, soffrono per il sistema di indicizzazione dei propri debiti, che sottrae quote crescenti di reddito disponibile e frena pesantemente la ripresa;
  • L’Islanda ha evitato di svenarsi per pagare i creditori esteri, ma ha comunque pagato l’assicurazione sui depositi di non residenti, contrariamente alla vulgata italico-terzomondista;

 

Ma il malessere economico islandese resta profondo, e poggia soprattutto sui forti oneri sopportati dai mutuatari, che hanno un debito ipotecario complessivo equivalente a 11,3 miliardi di euro (su una economia che ha un Pil equivalente a circa 13 miliardi di dollari), l’80 per cento del quale è indicizzato ai prezzi al consumo, attualmente in crescita tendenziale del 4 per cento. Nel paese c’è quindi diffuso disagio, contrariamente a quanto credono i gonzi italiani, ed i partiti si muovono per promettere un minimo di sollievo ai cittadini, ad esempio vagheggiando tagli di tasse oppure (con esponenti dell’attuale opposizione) promettendo di abbattere di almeno il 20 per cento il valore dei mutui in essere, per alleggerire il peso sui debitori. E qui sorgono ovvi problemi.

Da qui: http://phastidio.net/2013/04/23/islanda-nel-paese-che-non-cera/

E veniamo al secondo elemento: l’Europa. Infatti l’ex ministro Sigfússon non solo non la racconta giusta, ma non la racconta tutta. Infatti, i cittadini le bastonate per ripagare i debiti le hanno prese e come. E continueranno prenderle per lungo tempo per ripagare la linea di credito concessa dal FMI (e questa è la parte in cui Sigfússon non la racconta giusta). Non solo, ma il suo partito è quello che li avrebbe portati in Europa. E magari nell’euro (e questa è la parte in cui non la racconta tutta). E sulla sua pelle Sigfússon ha dovuto imparare che i cittadini sono sì fessi. Ma fino a un certo punto.

Il 28 aprile hanno rimandato a casa lui e il suo governo e  hanno detto chiaramente che preferiscono la corruzione e una riedizione del boom-and-bust che gli propinarono i partiti di centro destra. Preferiscono addirittura i fascistoidi xenofobi del Partito del Progresso. Tutto piuttosto che affidarsi alla Troika. Meglio il boom-and-bust che il bust perenne dell’austerità.

Quello islandese è un altro tassello che ci rende sempre più chiaro il triste epilogo della socialdemocrazia europea. Incapace di ricostruire una propria cosmologia fondante che riempisse il vuoto creato dal suicidio dei marxismi, ha finito per adottare l’europeismo. Un’esca intellettuale dietro alla quale erano in agguato i predatori del capitale finanziario. E un po’ per collusione, un po’ per idiozia, siamo dove siamo.

Ovvero al punto in cui la risposta Keynes – “nel lungo periodo saremo tutti morti” – rischia di essere la croce uncinata. Chissà se almeno la storia li seppellirà con ignominia! 


Meglio Sartori o l’Uomo Ragno?

Se Sartori scrivesse sul Giornalino del Prenestino, avrei letto le conclusioni e avrei appallottolato il suo articolo di oggi per accendere la stufa. Ma scrive sul Corriere della Sera, uno dei quotidiani più venduti (e dei siti più visitati). Ergo non si può passare oltre.

Se Sartori fosse un commentatore qualunque non sarei nemmeno arrivato alla fine del suo pezzo di oggi. Ma basta dare un’occhiata al suo CV su Wikipedia (che sarà anche parziale) per capire che qualcosa che non va c’è eccome. Perché Sartori colleziona lauree come un serial killer gli omicidi. E non è laureato in Scienze della Fioritura, ma in Scienze Politiche … e, poveri i suoi studenti, l’ha pure insegnate! Spero per loro che al massimo tenesse il corso di “Legende Metropolitane”, perché in quel caso i giovani in questioni sarebbero al sicuro.

Ma cosa scrive oggi Sartori? Vediamo.

L’EUROPA E GLI IMPEGNI – Forse molti non sanno che l’Unione Europea (Ue) non comporta l’adozione di una moneta comune (l’euro). I Paesi Eu che hanno adottato l’euro sono 17, mentre i Paesi senza euro sono 10. A parte l’Inghilterra che mantiene la sterlina e che è il caso più importante, sono fuori euro Danimarca, Svezia, Polonia, Ungheria, Romania e altri piccoli Stati. L’Unione Europea nacque quando venne di moda (diciamo così) la «globalizzazione». S’intende che la globalizzazione finanziaria venne da sé, con la tecnologia che la rendeva non solo possibile ma anche ineluttabile. La globalizzazione economica è tutt’alta cosa, avendo in mente, per l’Europa, il modello Stati Uniti.

Lasciamo perdere la questione della globalizzazione. Della quale si inizia a parlare già dagli anni ’80 mentre il Trattato di Maastrich che da vita alla UE è del ’92. La questione degli USA però è curiosa. Un politologo lo dovrebbe sapere che differenza c’è fra un confederazione di Stati (UE) e una vera e propria federazione (USA). Nel primo caso un vero e proprio governo centrale non c’è, gli stati conservano la sovranità (ormai formale). Nel secondo il governo federale gestisce direttamente e con potere sovrano questioni come, ad esempio, la difesa. Ma Sartori lo sa. Solo che la similitudine impropria gli serve per il discorso successivo. Ma teniamola a mente anche noi.

IL MODELLO USA – Il problema è che un sistema federale richiede un linguaggio comune. Gli Stati Uniti parlano l’inglese, la Germania il tedesco, l’India ha ereditato l’inglese, il Messico lo spagnolo, il Brasile il portoghese. L’Europa parla invece circa 22 lingue, che certo non possono alimentare una aggregazione federale. Invece l’Europa può diventare una comunità economica, che oggi è la comunità dell’euro. Ma purtroppo la messa in opera di questa unione è stata frettolosa e insufficientemente pensata. Tutti gli Stati del mondo controllano la propria moneta e si possono difendere, economicamente, con dazi, dogane, e anche svalutando o rivalutando la propria moneta. Così gli Stati Uniti tengono il dollaro «basso» per facilitare le proprie esportazioni. Invece l’Unione Europea è una comunità economica indifesa. I singoli Stati che la compongono non possono stampare moneta, né difendere le proprie industrie con barriere doganali,

Sorvoliamo anche qui sulla questione della lingua. Se Sartori avesse deciso di parlare con cognizione di causa racconterebbe ai suoi lettori che ormai negli USA l’inglese è una lingua franca. La lingua più parlata è lo spagnolo. E in interi quartieri di città non certo secondarie come Chicago si parla il Polacco. Per poi non parlare dell’immigrazione cinese destinata ad aumentare vertiginosamente nei prossimi anni. Anche in Europa, Sartori, si parla l’inglese come lingua franca. Forse lei no, ma gli altri sì. E infatti il problema non è questo. Ma il punto interessante è più in basso. Dove ci accorgiamo che Sartori sembra aver capito il nucleo del problema Italia. Il problema è la sovranità monetaria. Oddio, ma Sartori parla come un economista anti-euro? Sul Corriere della Sera?

LE NOSTRE COLPE – In questa vicenda tutti hanno le proprie colpe. Ma ne hanno di più i Paesi mediterranei, Italia inclusa, che si sono dati alla bella vita indebitandosi oltre il lecito. L’ora della verità è scoccata, ahimè, troppo tardi per i Paesi che sono riusciti ad accumulare un debito pubblico (Buoni del Tesoro) che supera abbondantemente il Pil, il Prodotto interno lordo. Come possono risalire la china nella quale sono colpevolmente precipitati? In Italia oramai la pressione fiscale è altissima, a livelli che soffocano la crescita. E l’evasione fiscale resta largamente impunita.

C’avevate creduto eh? E invece la colpa è tutta vostra. Soprattutto se siete PIGS col culo sempre a bagno nel Mediterraneo, invece di lavorare e produrre. Avete vissuto sopra ai vostri mezzi facendo aumentare il debito pubblico. E ora il debito pubblico brutto e cattivo va rimesso in riga. Chiaro? Due cose Sartori, da modesto lettore di gente ben più informata di me. Mi risulta che parte del debito pubblico sia costituito dalla spesa in servizi e stipendi dei dipendenti pubblici. Tanto è vero che una delle misure più in voga al momento è proprio quella del taglio degli uni, e all’occorrenza degli altri. Come mai per lei ci sono solo i buoni del tesoro? Pensa che il 27 del mese al MEF i dipendenti li paghino in BTP? E poi un’altra perplessità. Mi risulta che se io mi indebito per comprare la casa o la macchina (seguendo il fantasmagorico modello di riferimento americano) codesto si usi chiamare debito PRIVATO. Per il quale rispondo a un istituto di credito. Per capire la relazione che esso ha con il debito pubblico è necessario aver chiaro cosa sia il cilco di Frenkel. Ma se fosse così anche per lei, non potrebbe scrivere ciò scrive nel resto dell’articolo. Ciononostante da un politologo ci si aspetterebbe almeno un po’ più di conoscenza di base (la mia) di quello che poi scrive.

IL CARO EURO – Dovremmo esportare di più. Ma qui l’ostacolo è, come ho già accennato, che la nostra moneta, l’euro, è sopravvalutata rispetto al dollaro. In passato (nel 1972) avevamo escogitato il «serpente monetario» europeo che consentiva fluttuazioni delle monete entro una fascia del 2.25 per cento. L’esperimento fu utile, ma venne sostituito nel 1979 dal sistema monetario europeo (Sme) che venne a sua volta sostituito, da ultimo, dalla Banca centrale europea di Francoforte.

Dovremmo esportare di più. Eh appunto Sartori. Vuole un suggerimento? Guardi a cosa ha fatto la signora Merkel. Se non puoi svalutare la moneta, svaluti i salari. Le tue merci costano di meno e voilà, si esporta a spron battuto. Ci vada lei però alla FIAT a dire agli operai massacrati dalla crisi che devono guadagnare di meno per il bene del paese. Non sarà per caso che lei continua a guardare le cose da dentro una bella gabbia e che tutto ciò che vede, dovunque guardi, ha tutte delle belle strisce nere sopra? Non sarà che per togliere quelle strisce sarebbe il caso di osservare, per una volta almeno, le cose da fuori della gabbia? La gabbia ovviamente è il suo “caro euro”.

CRESCITA ZERO – Varrebbe la pena di risuscitare un nuovo «serpente» sotto il controllo, beninteso, di Francoforte? Non lo so. Ma varrebbe la pena di pensarci. Perché da 14 anni la crescita dell’Italia è vicina allo zero. Aggiungo che il nostro Paese è particolarmente a rischio anche per le ragioni che passo rapidamente a elencare. Primo, risultiamo, nelle graduatorie internazionali, tra i Paesi più corrotti al mondo. Tra l’altro siamo anche gli inventori della «onorata società», volgarmente mafia, e per essa un Paese forse più tassato dal pizzo che dallo Stato. Aggiungi una altissima inefficienza burocratico-amministrativa. A tal punto che i fornitori dello Stato vengono pagati con nove-dodici mesi di ritardo. Un vero scandalo. Tutto sommato, allora, non vedo proprio come gli investitori stranieri siano, in queste condizioni, tentati di investire in Italia.

E qui ce n’è per ridere a crepapelle per una settimana. Resuscitare il serpente? Sotto il controllo di Francoforte? Sartori in realtà intuisce la vera soluzione ma non la può dire. Il serpente permetteva delle fluttuazioni controllate. Ovvero concedeva una sovranità monetaria controllata (come la libertà dei semicarcerati). Quindi il problema è la fissità dell’Euro, in un agglomerato di Stati che non hanno un bilancio unico. Ma non sarà Sartori che invece di una mezza soluzione sarebbe meglio una soluzione intera? Perché invece delle microfluttuazioni che risolvono microproblemi non dice chiaramente che l’unica soluzione è l’uscita dalla moneta unica e la restituzione agli Stati di quella libertà di difesa di cui lei stesso parla nel suo pezzo?

L’Italia da 14 anni non cresce. Sì è vero. Da quando siamo nell’Euro più o meno. E pure qui la corrispondenza a Sartori non salta all’occhio. Eh no perché il problema, di nuovo, non sono la mafia, la corruzione e la burocrazia. Certo Sartori che da un fine ed esperto politologo come lei ci si aspetterebbe qualcosa di diverso dai soliti luoghi comuni da Domenica In. Il problema della crescita è di nuovo legato all’impossibilità di essere competitivi a causa della fissità del cambio, quando accoppiato ad altre variabili dell’economia quali ad esempio il costo del lavoro.

Ma la conclusione è il pezzo migliore. Gli investitori stranieri non verranno in Italia in queste condizioni. Ma magari Sartori! E’ proprio lì che nasce il problema. Sarebbe sufficiente che invece di leggere le missive di Monti e dei tecnocrati della Troika si andasse a vedere qualche grafico. Non quelli del Leoncavallo eh, quelli del Fondo Monetario Internazionale. E si accorgerebbe di qualcosa di piuttosto palese. Ovvero ….. glielo faccio dire dal prof. Bagnai più titolato di me a farlo.

estero

D – Professore, perche’ in Europa e nel mondo sono cosi’ importanti parametri come l’ammontare del Debito e Deficit Pubblico, mentre sono assai meno noti parametri come la Bilancia dei Pagamenti e la Posizione Netta sull’Estero?

R – L’attenzione si focalizza sul debito pubblico per motivi puramente ideologici. Ormai è appurato che le crisi finanziarie degli ultimi trent’anni sono state causate da elevato indebitamento privato (con l’estero), in presenza di debito pubblico stabile o decrescente. Tutti lo sanno. È quello che gli economisti chiamano un “fatto stilizzato”. Perfino il Trattato di Maastricht, come molti ignorano, prevedeva che l’indebitamento estero dei paesi fosse tenuto sotto controllo, come quello pubblico. Ma per quello pubblico si è stabilito un parametro (il 3% del Pil), mentre per quello estero no. Perché? Per due motivi. Primo, perché limitare l’indebitamento pubblico significa ridurre il peso del “nemico” ideologico, cioè dello Stato, mentre limitare l’indebitamento estero, che è per lo più privato, significherebbe limitare l’azione dei “mercati”. Secondo, perché in un’Europa costruita e gestita dai “vasi di ferro”, il debito estero dei vasi di coccio tornava utile (visto che, come abbiamo detto e ripetuto, si convertiva in acquisti di beni dei paesi forti).

Che l’indebitamento estero vada limitato non è l’idea di uno strampalato professore di provincia. Dopo aver usato il credito/debito estero come una clava per sbriciolare i paesi del Sud, la Commissione Europea, candidamente, ammette che c’è un problema, e nella sua “procedura contro gli squilibri macroeconomici”, promulgata a fine 2011, stabilisce limiti proprio per le variabili delle quali gli economisti riconoscono da tempo l’importanza: il debito privato, il debito estero, il deficit estero.

Naturalmente la stalla si chiude quando i buoi sono scappati, semplicemente perché le chiavi della stalla sono state date ai ladri di bestiame: le grandi banche del Nord. Ricapitolando: che il debito estero sia più pericoloso di quello pubblico lo sanno e lo sapevano tutti: economisti, politici, e tecnici della commissione (che infatti pongono sul debito estero un vincolo quantitativo più stringente che su quello pubblico). Non se ne parla nei media per motivi ideologici e di convenienza: se la gente capisse che il problema sono gli squilibri esteri, capirebbe che il problema è l’euro, e per la finanza del Nord finirebbe la pacchia.

L’indebitamento estero ( i suoi “investimenti stanieri” per capirci, gli emiri del Kuwait di Monti o, volendo che ora vanno più di moda, i russi con i conti nelle banche ipertrofiche Cipriote) è la palla di neve che diventa valanga attraverso le 7 fasi del ciclo di Frenkel.

frenkelSecondo lei dove siamo insigne politologo Sartori? Io che mi limito ad ascoltare le voci più informate di me direi allo stadio 6. A un passo dal tracollo e dalla svalutazione che almeno ci rimetterebbe in corsa. E lei invece che vorrebbe fare? Sbaragliare i mafiosi, abolire la corruzione e smembrare la burocrazia (un piano cinquantennale praticamente irrealizzabile) per fare cosa? Per tornare dritti alla fase 2? Caro Sartori, lei sembra aver capito il problema. Ma la sua auspicata soluzione è come un’iniezione di glucosio nelle vene di un diabetico. E come tenere un cristiano sottacqua fino al suo limite di apnea e, quando sta a 20 cm dalla superficie, rispingerlo giù di 10 metri. Dicendogli “non ancora, non ancora. Non sei ancora pronto”.

Tornando agli USA dell’incipit, Sartori, lei la differenza la conosce bene. E’ che come al solito deve mentire per rimanere fedele alla linea. Negli USA è il bilancio federale a compensare le sperequazioni fra la recessione dell’Alabama e il surplus della California. E’ questo l’unico modo in cui lo Stato svolge la sua funzione istituzionale. Ma per farlo deve avere un bilancio. Ergo, mutatis mutandi (come dicono gli intellettuali istruiti come lei) l’unico modo di conservare la moneta unica sarebbe il bilancio unico in cui i fieri vichinghi del nord si prendono carico dei pigroni mediterranei del sud. Lei ce li vede olandesi e tedeschi che finanziano il deficit della Regione Sicilia? Per favore Sartori non faccia il finto tonto. Che il paese è veraqmente al collasso.

La penna caro Sartori implica attenzione estrema a ciò che produce. Una penna che scrive dove scrive lei ha un grande potere. Che può essere esercitato nella direzione dell’informazione (e della formazione del pensiero critico) o in quella (talvolta involontaria e in buona fede) della propaganda e della cementificazione dei luoghi comuni. Da un pluridecorato politologo editorialista ci si aspetterebbe un minimo più di attenzione alla massima di Zio Ben. Sì Sartori, lo zio di Peter Parker, l’Uomo Ragno. With great power comes great responsibility.

Come vede Sartori nell’Europa Unita parliamo anche noi l’inglese. E talvolta si impara di più a leggere i fumetti fatti bene che gli articoli in prima pagina fatti male.