I Greci hanno salvato le banche tedesche e francesi

Intanto un paio di chiarimenti visto che non sono un economista e anche io queste cose le ho dovute imparare.

  1. Chi presta soldi si assume un rischio (quello di non vederseli restituiti) che si concretizza nel tasso di interesse sul capitale prestato. Se ti do 10 tu mi restituirai 12. Il 2 aggiunto è di fatto la quantificazione economica del rischio (che però spesso non viene calcolato come altri “rischi di impresa”.  E si dà per scontato che la restituzione sia “ad ogni costo”)
  2. Ristrutturare un debito sovrano significa che anche il creditore perde parte del suo investimento (si badi bene si parla di “investimento£ ovvero non un prestito caritatevole ma un acquisto di titoli di Stato a pure e semplice fine speculativo
  3. Non ristrutturare un debito significa che pagano solo i cittadini
  4. Optare per la soluzione 3) è ovviamente un’idiozia logica, soprattutto in un periodo di crisi economica. Non ci vuole un genio per capire che l’unico modo in cui si può scaricare sui cittadini il costo del debito è aumentando le tasse o tagliare la spesa. Che si opti per uno o per l’altra, in un’economia di mercato, la fine è chiara a chiunque: la spirale della recessione. Meno soldi in tasca alla gente, meno acquisti, meno PIL. L’aumento delle tasse inoltre significa anche una contrazione immediata dell’offerta di lavoro che spinge in alto la disoccupazione. Il che spinge ancora più in basso i consumi . Applicando di fatto un effetto moltiplicatore sulla velocità in cui l’economia peggiora
  5. Applicando 3 e arrivando a 4, prima o poi si arriva anche a 2 (se non si vuole scatenare una guerra di quelle vere … quelle con i fucili)

Possibile che queste banali regolette da economia domestica non fossero chiare al FMI quando si decise di “salvare” la Grecia?

No, infatti. Il piano di salvataggio della Grecia (il primo) fu semplicemente altro. In quell’occasione vennero salvati i crediti delle banche (private) francesi e tedesche che avevano in mano i titoli di Stato greci.

E i documenti del FMI dimostrano che nel direttivo gli scettici c’erano eccome e che il piano fu applicato nonostante tutto. Il che ovviamente ha portato a nuovi piani di “salvataggio” in cui anche i creditori hanno visto toccati i loro interessi.

Non ho i numeri ma sono convinto, chissà com’è, che procedere con 3-4-2 sia molto più vantaggioso che procedere direttamente con 2.

E sono anche convinto che la misteriosa nomina della Lagarde (Ministra francese che si occupava di proteggere le banche del suo paese) alla presidenza del FMI (allora scettico sul piano greco) non sia stata né meritocratica né casuale.

Attenti quindi quando vi parlano di debito a ricordare che senza debito il capitalismo non funziona. Il debito non è una roba “cattiva” è solo l’altro nome del “credito”.

Buona lettura

*********************************************************************************

Fonte: vocidallagermania.blogspot.it/2013/10/i-documenti-confidenziali-del-fmi.html

I documenti confidenziali del FMI sul caso greco

Che il salvataggio greco sia stato fatto su misura dei creditori esteri di Atene, lo sapevamo già. Adesso arrivano i verbali segreti delle sedute del FMI a confermalo. Dal wsj.de

La Grecia nel 2010 doveva essere salvata con un pacchetto di aiuti miliardario? I documenti confidenziali di cui è in possesso il Wall Street Journal mostrano che il FMI al proprio interno era profondamente diviso. Nonostante cio’, si decise di concedere ugualmente gli aiuti.

I documenti confidenziali sono in palese contrasto con le dichiarazioni ufficiali del FMI e non mancheranno di riaccendere la discussione sul possibile taglio del debito greco. La Germania ed altri altri stati europei infatti continuano a rifiutare una ristrutturazione del debito greco nel tentativo di nascondere agli occhi dei propri elettori la reale situazione. Ma visto che il FMI in futuro non intenderà concedere nuovi aiuti alla Grecia se il debito non dovesse scendere, molto probabilmente si dovrà arrivare ad una decisione in questa direzione.

Un terzo dei membri del FMI aveva dei dubbi

Data l’estrema incertezza che caratterizzava l’intero piano di salvataggio, sin dall’inizio il FMI si è pronunciato a favore di un taglio del debito.  Il primo piano di aiuti è stato approvato il 9 maggio 2010, e gli atti relativi alla decisione – catalogati come segreti o altamente confidenziali – ci offrono una visione degli avvenimenti interni al FMI.

Quasi un terzo di tutti i membri del consiglio direttivo, che insieme rappresentano oltre 40 paesi non europei, secondo gli atti, avevano dei forti dubbi sull’intero piano di salvataggio greco. Erano in molti a ritenere che il programma di salvataggio stava spostando sui greci l’intero onere dell’aggiustamento, mentre dai creditori europei non si pretendeva alcuna rinuncia. Molti membri del FMI sostenevano infatti che il salvataggio non avrebbe avuto successo se i creditori esteri della Grecia non avessero rinunciato ad una parte dei crediti.

“Sul tavolo della discussione dovrebbe esserci la possibilità di una ristrutturazione del debito”, affermava Pablo Andrés Pereira durante la difficile riunione del 2010, all’epoca direttore esecutivo e rappresentantante argentino. Il fondo, secondo Pereira, “corre il rischio di ritardare o addirittura peggiorare l’inevitabile default greco”.

I rappresentanti di Brasile, Russia, Canada e Austrialia, sempre secondo gli atti, nella stessa seduta hanno parlato degli immensi rischi cui il programma di salvataggio andava incontro. Il rappresentante brasiliano al FMI, sempre secondo gli atti, definiva il piano “inappropriato e decisamente non sostenibile” o piu’ semplicemente un “salvataggio dei creditori privati dello stato greco, soprattutto degli istituti di credito europei”.

I rappresentanti europei ed americani, che nel consiglio direttivo hanno oltre la metà dei diritti di voto, sono comunque riusciti ad ottenere un numero sufficiente di voti per approvare il programma di salvataggio.

Il programma di aiuti finanziari prevedeva infatti come condizione una forte riduzione del debito ed un aumento delle tasse. La ristrutturazione del debito – sotto forma di rinuncia dei creditori, riduzione dei tassi oppure un allungamento della durata – non era prevista. E cio’ ha salvato i detentori di titoli greci (principalmente banche europee) dalle perdite in cui sarebbero incorsi con una ristrutturazione.

Gli interessi europei sono piu’ importanti di quelli greci

Alcuni dei membri del FMI all’epoca contrari al programma di salvataggio, continuano a sostenere che sono stati tutelati gli interessi dei paesi creditori, ma non quelli greci. Dal 2009 l’economia greca si è ridotta di un quinto e il tasso di disoccupazione del paese è salito a quasi il 28 %. La situazione attuale spinge il FMI a chiedere ai paesi europei una rinuncia ai crediti, almeno stando alle recenti dichiarazioni degli attuali rappresentanti del FMI.

“Il piano di aiuti non è stato un programma di salvataggio per la Grecia, piuttosto dell’ Eurozona”, dice uno dei rappresentanti del FMI presenti alla riunione del 2010.

I documenti riservati mostrano che diversi membri nel consiglio direttivo del FMI sin dall’inizio guardavano con molto scetticismo alle previsioni economiche: le consideravano “eccessivamente ottimiste” oppure “troppo positive”.

Per molti versi, la storia del piu’ grande pacchetto di salvataggio approvato dal FMI, dovrà essere interamente riscritta.

L’allora direttore del FMI Dominque Strauss-Kahn nel maggio 2010 dichiarava ai giornalisti che il fondo “non aveva alcun dubbio sulle possibilità di successo del piano”. Ma dietro le quinte una parte importante del direttorio nutriva dei forti dubbi sull’efficacia del piano o addirittura era arrabbiata, almeno da quanto si legge fra i verbali delle riunioni.

Rabbia e frustrazione nel direttorio FMI

Gli aggiustamenti finanziari richiesti alla Grecia sono uno “sforzo immane a cui l’economia non riuscirà a far fronte”, ha dichiarato l’ex direttore del FMI, l’indiano Arvind Virmani, durante la seduta in cui è stato approvato il primo pacchetto di salvataggio. Il numero uno del fondo si era infatti già chiesto se le dimensioni del risparmio che il FMI si aspettava dalla Grecia non avrebbero piuttosto fatto fallire il programma e portato il paese al default.

Tutti i tentativi di raggiungere l’ex capo del FMI Strauss-Kahn per avere un commento sul tema purtroppo sono andati a vuoto. Nel frattempo il FMI ha riconosciuto alcuni errori. In un rapporto pubblicato nel mese di giugno, il Fondo ha finalmente ammesso che alcune proiezioni finanziarie erano troppo rosee.

I funzionari del FMI tuttavia hanno sempre sottolineato le loro buone intenzioni: quando nel 2010 il piano di salvataggio è stato approvato, il FMI nelle proprie considerazioni interne non riteneva necessaria una ristrutturazione del debito

“Nel maggio 2010 sapevamo che la Grecia avrebbe avuto bisogno di un fondo di salvataggio ma non che sarebbe stata necessaria una ristrutturazione del debito”, ha detto il direttore del FMI Christine Lagarde in un’intervista rilasciata in giugno. “Non sapevamo che la situazione economica generale sarebbe peggiorata cosi’ rapidamente come poi ha fatto”, sempre Lagarde.

Nei primi mesi del 2011, quando orami era chiara la non sostenibilità del debito, il FMI ha preteso una ristrutturazione, conferma un portavoce del FMI.

Già nel 2010 si parlava di un taglio del debito

I documenti confidenziali del FMI mostrano che sin dall’inizio si parlava apertamente della necessità di ristrutturare il debito greco. Nella seduta del maggio 2010 i rappresentanti del Medio oriente, dell’Asia e dell’America Latina hanno chiesto piu’ volte perché questa opzione non fosse stata presa in considerazione.

I rappresentanti europei invece sono rimasti “molto sorpresi” quando la Svizzera “con molta enfasi”, all’interno del consiglio direttivo FMI si è schierata a fianco dei critici, sempre secondo i verbali delle sedute. “Perché una ristrutturazione del debito e il coinvolgimento del settore privato non sono stati contemplati dal piano di salvataggio?”, chiedeva il rappresentante svizzero René Weber.

Oggi il FMI sostiene che nel 2010 una ristrutturazione non sarebbe stata praticabile. Il rischio che i problemi finanziari greci potessero diffondersi anche verso altri paesi era troppo grande.

Una larga parte dei titoli di stato greci allora era in possesso delle banche tedesche e francesi. Per questa ragione la ristrutturazione non era una possibilità contemplata dai capi di stato europei. E gli USA temevano per i loro investimenti miliardari nel capitale delle banche europee.

L’attuale presidente del FMI Lagarde, all’epoca ancora Ministro delle finanze in Francia, era impegnata a limitare con ogni mezzo le perdite per le banche del suo paese. Le banche francesi avevano infatti una grande esposizione verso la Grecia.

Nel 2013 nel direttorio del FMI arriva la svolta

In una relazione del giugno 2013 il FMI ha ammesso “carenze significative” nel programma di salvataggio greco, sebbene il fondo avesse già indicato la strada da seguire. “Sin dall’inizio sarebbe stata preferibile una ristrutturazione del debito, sebbene per i partner europei fosse inaccettabile”, si dice nel rapporto.

Il FMI constata che sin dall’inizio l’operazione di salvataggio ha permesso ai creditori privati di ridurre l’esposizione, scaricandone i costi “sul contribuente e sul settore pubblico”.

Diversi rappresentanti del FMI già 3 anni fa avevano messo in guarda. “Si puo’ dire che l’operazione piu’ che un programma di salvataggio per la Grecia, sia  una forma di salvataggio dei creditori privati, soprattutto degli istituti finanziari europei”, affermava il rappresentante brasiliano Paulo Nogueira Batista durante una seduta del 2010.

Gli scettici avevano ragione. La Grecia non è riuscita a raggiungere gli obiettivi finanziari concordati e nel 2012 ha avuto bisogno di un ulteriore piano di salvataggio. Nel piu’ grande piano di salvataggio mai intrapreso dal FMI, i creditori privati hanno dovuto farsi carico di una parte delle perdite

Con il collasso dell’economia greca il debito del paese è esploso. E la situazione potrebbe spingere i governi dell’Eurozona a mettere in campo un terzo pacchetto di salvataggio. Ma questa volta dovranno necessariamente rinunciare ad una parte dei crediti verso la Grecia.


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: