Mr B e lo spread

Oggi i media sono pieni di titoloni sullo spread che torna a salire. Dipenderebbe dalle promesse sull’IMU e sul fisco lanciate da Mr B. in piena campagna elettorale. In realtà il Wall Street Journal parla anche dello scandalo di MPS dietro a questo rialzo. Ma i media italiani sminuiscono.

La Frankfrter Allemagne lancia l’allarme. Silvio può vincere. Segue l’appello anche il Financial Times. Il direttore de La Dittatura, uno die quotidiani più venduti in Italia, scrive nel suo editoriale di oggi che i mercati hanno votato oggi. E il loro voto è contro Mr.B.

In tutti i social network si scatena il pubblico degli indignati. Da quelli ironici a quelli battaglieri i commenti si traducono più o meno così: non votate Berlusconi, se lo fate o siete stupidi o siete miei nemici.

Per carità, nulla da obiettare. Non voterei Mr B. nemmeno se mi ridesse 4 IMU. E considero le sue promesse semplici specchietti per le allodole.  Tuttavia, come al solito, il tifo da stadio genera mostri. E quindi mi piacerebbe anche analizzare la questione da un punto di vista diverso. D’altra parte il bicchiere mezzo pieno può anche essere mezzo vuoto. E una salita osservata al suo termine è pur sempre una discesa.

Il fatto che ci siano le elezioni alle porte non è ininfluente. Qualsiasi cosa succede in queste settimane non è un’azione casuale. Né questa, né la reazione che ne consegue. In ballo ci sono il potere, i milioni dei rimborsi elettorali, l’occupazione dei luoghi nevralgici delle amministrazioni e via dicendo. Chi crede all’amore per la patria degli aspiranti al governo, o peggio nella loro buona fede, è più fesso di chi vota Mr B.

Vediamo.

Come mai tanta enfasi su ruolo di Mr B nel rialzo dello spread e la glissata su MPS? E’ ovvio che si tratta di una strategia elettorale ben precisa. Favorire l’accoppiata Monti/PD a svantaggio di Mr.B. In effetti il rialzo dello spread è dovuto all’instabilità percepita dagli speculatori che anticipano il salvataggio di MPS con fondi pubblici. Forse di più che per i 4 miliardi di un’eventuale restituzione dell’IMU. In sostanza il famigerato aumento del debito pubblico. Una delle solite tiritere. E allora la domanda sorge spontanea. Pensate davvero che aumentare il debito pubblico ridando soldi ai cittadini (IMU) sia peggiore che aumentarlo salvando MPS? I soldi nelle tasche dei cittadini significano aumento degli acquisti e aumento del PIL. Il salvataggio di MPS significa soldi nelle tasche dei banchieri. Margini per le banche e nessun aumento redistribuito del PIL. I risparmi dei cittadini infatti non subirebbero un incremento da quel salvataggio. E se la banca fallisse sarebbero comunque coperti dai fondi di garanzia. Inoltre lo sanno tutti, la proposta di Mr.B sull’IMU è un’idiozia elettorale. Il salvataggio di MPS con un prossimo governo del PD è cosa sicura. Riflettete.

Il voto dei mercati e le pressioni internazionali. Ovvero la morte della democrazia. I cittadini esautorati del diritto necessario ma totalmente insufficiente al voto. Ma non da parte di un dittatore in divisa. Ma da parte del piccolo dittatore che vive dentro di loro. Cresciuto e pasciuto dalla disinformazione globalizzata. Il direttore della Dittatura lascia intendere che visto che lo spread aumenta allora non dovete votare Berlusconi. I quotidiani tedeschi e inglesi rincarano la dose: per non scontentare i mercati votate altro ma non Mr.B. E i piccoli dittatori ottusi dentro a ognuno rispondono all’appello. Se voti Mr B. cancellami dalle tue cerchie. Se voti Mr.B sei un idiota. Vota me e ti faccio vincere al Lotto. L’uomo della strada ha interiorizzato inconsapevolmente il dettato dei mercati. Ma anche qui una domanda nasce spontanea. Se i mercati non voglio Mr B. ma preferiscono il Monti/PD a te cittadino indignato che te ne viene? Sei sicuro che una battaglia di principio contro un bugiardo sia migliore di una battaglia di sostanza contro l’armata del saccheggio? Al supermercato il cibo non si compra con l’orgoglio, ma con i soldi che non avrai più nella busta paga. Perché non avrai più una busta paga. Rifletti.

Lungi da me consigliare il voto a Mr.B. Ma riassumendo le chiacchiere stanno a zero.

1)      Voti Mr B.: IMU = bugia elettorale che non verrà realizzata e anche se lo fosse riporterebbe soldi in tasca nostra.

Voti PD/Monti: salvataggio MPS e politiche dell’austerità = verità non detta in campagna elettorale che sottrarrà soldi dalle nostre tasche

2)      Voti Mr B.: I mercati scontenti. I cittadini scontenti

Voti Monti/PD: I mercati contenti. I cittadini scontenti

A conti fatti postatore indignato dei social network qual è il peggiore dei due mali?

Perché non gridi allo scandalo e non ti indigni anche con chi si prepara a consegnare il paese in mano ai mercati e le tue tasche alla povertà sempre più nera?


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: